Mausoleo di Cecilia Metella e il Castrum Caetani sull’Appia Antica

Vorrei partire da qualcosa che apparentemente non riguarda l’architettura per raccontarvi il mio personale approccio a questo magnifico monumento funerario di Roma.

Fuori dell’attuale porta di san Sebastiano, distante quasi un miglio dall’antica Capena , ai lati della via Appia sono orti e vigne.
Quindi percorse quasi due miglia incominciano deserti latifondi dell’agro romano, e sono i seguenti:
Capo di Bove,
Statuario, volgarmente Roma Vecchia;
Statuario, o sia Santa Maria Nuova;
Casal Rotondo;
Barbuta,
Selcia,
Fiorano,
Palombara.
La prima tenuta esistente sulla via Appia ai confini delle vigne è Capo di Bove. Così fu denominata dai bucrani detti volgarmente Capi di Bove , che servono di ornamento al sepolcro di Cecilia Metella ivi esistente.
Veggonsi similmente nella medesima gli avanzi di un circo denominato un tempo volgarmente di Caracalla, ed ora di Romulo figlio di Massenzio.

Antonio CoppiMemorie relative ad alcune tenute dell’Agro romano adiacenti alla via Appia, in “Dissertazioni della Pontificia Accademia di Archeologia”, tomo XIII, Roma 1855, pp. 141-150

Durante l’attività eruttiva del Vulcano Laziale, oggi coincidente con l’area dei Castelli romani e dei suoi laghi, fu emessa una enorme quantità di prodotti piroclastici su un area vastissima della campagna romana; l’eruzione interessò l’area fino a circa 40.000 anni fa dando vita al substrato “tufaceo” che caratterizza la maggior parte del suolo della Capitale. Una colata di lava in particolare raggiunse la periferia della Roma Imperiale, seguendo il percorso di una antica valle, saturandola. Questa colata (lunga 12 km con spessori sino a 15 m), detta di Capo di Bove dal fregio con bucrani e ghirlande che decora la sommità della costruzione antica (com’è noto, la testa di bue è un elemento decorativo molto comune nell’antichità, mutuato dall’uso di appendere i crani degli animali sull’alto del templi), si fermò all’altezza dell’area occupata dal complesso di Cecilia Metella. Gli agenti atmosferici che erosero i fianchi della valle nei secoli successivi la resero un lunga dorsale sopraelevata sulla campagna. Proprio su questa dorsale i romani edificarono la Via Appia, sfruttando in questo modo la posizione rialzata e la resistenza del materiale lavico sottostante. Gli elementi dei basolati che caratterizzano il tracciato furono estratti dalla sottostante dorsale.

Foto 1: Via Appia Antica

Il castello Caetani a Capo di Bove sull’Appia ingloba e sfrutta il mausoleo di Cecilia Metella, è uno dei più famosi monumenti funerari di Roma; datato intorno alla metà del I secolo a.C. Posizionato su un rilievo che ne consente la visibilità anche a notevole distanza, il monumento deve la sua sopravvivenza proprio al fatto di essere stato utilizzato in epoca medioevale come torre difensiva e di avvistamento.

L’enorme lapide marmorea, che si legge sulla parte alta del monumento rivolta verso la strada Caeciliae Q. Cretici F(iliae) Maetellae Crassi, ci informa che si tratta della tomba della nobile romana Cecilia Metella, figlia di Quinto Metello Cretico.

Foto 2: Lapide marmorea (Caeciliae Q. Cretici F(iliae) Maetellae Crassi)

Si tratta di una tomba del tipo a tumulo, costituita da un alto tamburo circolare rivestito in travertino, del diametro di 100 piedi romani e alto 11 metri, che poggia su un basamento quadrato in calcestruzzo di circa 18 metri per lato, in origine rivestito anch’esso in blocchi di travertino e poi spogliato in epoca rinascimentale. Il sepolcro terminava in alto con un tumulo a forma di cono, che determinò il particolare nome con cui il mausoleo è talvolta ricordato nelle fonti medioevali: monumentum peczutum, ovvero appuntito, pizzuto. Ben però più famoso è l’altra denominazione medioevale data al monumento e a tutta la zona, ovvero Capo di Bove, dovuta al fregio con bucrani e ghirlande che decora la sommità della costruzione antica (com’è noto, la testa di bue è un elemento decorativo molto comune nell’antichità, mutuato dall’uso di appendere i crani degli animali sull’alto del templi).

Foto 3: fregio con bucrani e ghirlande

Il fregio si interrompe in corrispondenza dell’iscrizione per lasciare posto alla raffigurazione di un trofeo (un elmo con clamide frangiata) con due scudi e, in basso, un prigioniero barbato (un avanzo di panneggio indicherebbe l’esistenza di un’altra figura perduta); si tratta forse di una rappresentazione volta a commemorare le imprese compiute dal padre di Cecilia a Creta.

Foto 4: tamburo circolare rivestito in travertino

Un corridoio, coperto a volta, conduce alla cella. L’ambiente prendeva luce da una finestra ellittica che si apriva nella parete di accesso della cella, ancora ben visibile benché murata e modificata. La scala oggi presente sul fianco del basamento fu creata nel corso dei lavori diretti dal Muñoz (1909-1913) per rendere possibile l’accesso all’ambiente inferiore, non potendovi all’epoca entrare dalla cella rotonda che era interrata. La camera funeraria è di forma circolare e rastremata verso l’alto; come il corridoio anche la camera è rivestita in cortina laterizia e decorata con stucchi, di cui restano deboli tracce.

Foto 5: Mausoleo di Cecilia Metella, vista da Roma.

Informazioni utili:

Orario di apertura: 
Tutti i giorni dalle 9.00 alle 16.30. La biglietteria chiude un’ora prima. Chiuso il lunedì (eccetto lunedì in Albis), 25 dicembre,  1 gennaio.
Biglietti:
Biglietto unico valido 7 giorni per 3 siti: Terme di Caracalla, Villa dei Quintili, Mausoleo di Cecilia Metella.
Intero:€ 6,00.
Ridotto: € 3,00 per i cittadini della Unione Europea tra i 18 e i 24 anni e docenti della Unione Europea.
Gratuito: per i cittadini della Unione Europea sotto i 18 e sopra i 65 anni.
Prenotazioni: 
+39.06.39967700 (lunedì-venerdì 9-18 sabato 9-14);


Visualizzazione ingrandita della mappa


Leave a Reply

Connect with Facebook

Comment moderation is enabled, no need to resubmit any comments posted.