Arch-Guinness: l’obelisco monolitico piu’ alto del mondo

La città eterna non smette mai di stupirci… se vi chiedessi quale è il più alto obelisco monolitico del mondo, e, soprattutto, dove si trova, certamente pensereste che sia uno egizio e ospitato dalla terra del Nilo. Invece la risposta è un’altra… L’obelisco monolitico più alto del mondo viene sì dall’Egitto, ma si trova a Roma, sotto gli occhi distratti degli automobilisti capitolini… anche perché oggi la sua funzione è quella di mero spartitraffico. Si tratta dell’Obelisco Lateranense, uno dei tredici obelischi antichi di Roma, che è il luogo al mondo con più obelischi egizi dopo la terra dei Faraoni. Prende il suo nome dal fatto che attualmente si trova a piazza San Giovanni in Laterano. Svetta con la sua altezza di 32,18 m (con il basamento e la croce raggiunge i 45,70 m).
Il grandioso monumento fu realizzato all’epoca dei faraoni Tutmosis III e Tutmosis IV (XV secolo a.C.) per adornare il tempio di Ammone a Tebe (Karnak) in Egitto. Costanzo II, nel 357 d.C., lo trasportò nell’Urbe ed innalzato dal praefectus urbi Memmio Vitrasio Orfito sulla spina del Circo Massimo, dove già si trovava quello che oggi viene chiamato Obelisco Flaminio.
Venne scoperto nel grande ippodromo spezzato in tre pezzi nel 1587, insieme all’obelisco Flaminio, e fu eretto nella sua attuale collocazione nel 1588 dall’architetto Domenico Fontana per volontà di papa Sisto V. Rappresenta, infatti, uno dei punti nevralgici del sistema sistino. Ponendosi, infatti, sotto l’obelisco, con alle spalle il Patriarchio Lateranense, si può apprezzare come questo costituisca il punto focale e il centro d’irraggiamento di tra strade: via dell’Amba Aradam, via di San Giovanni in Laterano e via Merulana. Come le colonne coclidi resturate dallo stesso pontefice, i 4 obelischi rialzati nei punti nevralgici della città (quello vaticano, il flaminio, quello di Santa Maria Maggiore e il Lateranense), rappresentano degli gnomoni urbani che hanno definito, per secoli, la forma urbis della nostra grande capitale. In questo caso, il Fontana ha realizzato per Sisto V con l’obelisco egizio e il palazzo e la loggia una delle più emblematiche scenografie urbane di tutto il tardo ’500.

(Le immagini provengono tutte, compresa la stampa del Vasi, da Wikimedia Commons)


Leave a Reply

Connect with Facebook

Comment moderation is enabled, no need to resubmit any comments posted.