Viaggi di Architettura

La pagina di NovArchitectura dedicata ai Viaggi di Architettura. Ciascuno di noi, proprio perché ama profondamente l’architettura, sente la necessità di scoprire con i suoi occhi le opere che ha ammirato sulle pagine dei libri di storia o sulle riviste patinate. Questa avventura nasce proprio dalla nostra voglia di condividere con voi le esperienze di viaggio che ci hanno formato, e, allo stesso tempo, dare voce alle vostre personali conoscenze. Per questo vogliamo darvi la possibilità di inviarci i vostri personali diari di viaggio e pubblicarli, in modo da poter condividere le nostre esperienze nel modo più integrale possibile (contattateci qui). Da parte nostra proporremo in modo sistematico degli itinerari architettonici nelle città che meglio conosciamo o che abbiamo avuto il piacere di visitare. Un percorso, o meglio un viaggio, da compiere insieme.

Citta’ ed Architetture Italiane 

in nessun luogo l’uomo può ritirarsi, che sia più tranquillo e imperturbabile della sua anima. Volgi lo sguardo alla rapidità dell’oblio che tutte le cose avvolge, al baratro del tempo infinito: tieni sempre a mente questo ritiro che hai a tua disposizione in questo tuo proprio campicello

(Imperatore Adriano)

La terra senza dolcezza d’alberi, la terra arida
che rompe sotto Siena il suo mareggiare morto
e incresta in lontananza
(inganno o verità,
miraggio o evidenza –
insidia a lungo la mente
una tortura di dilemma) sperdute torri, sperdute rocche
è un luogo non posseduto dal senso, una plaga diversa
che lascia transitare i pensieri
però non li trattiene, non opera come ricordo, ma come ansia

Citta’ ed Architetture Europee

Berlino è suddivisa in 12 quartieri. Gli attuali Bezirke sono: MitteFriedrichshain-KreuzbergPankowCharlottenburg-WilmersdorfSpandau, Steglitz-Zehlendorf,Tempelhof-Schoneberg, NeukollnTreptow-KopenickMarzahn-Hellersdorf,Lichtenberg e Reinickendorf. Fino al 2001 i quartieri, Bezirke appunto, erano 23; sono stati ridotti a 12 con l’intento di snellire la burocrazia. Berlino oggi è in gran parte il prodotto della sua storia, una città che è stata ferita ma mai sconfitta dal suo drammatico passato e gran parte dell’atmosfera che ci avvolge quando camminiamo per strada nasce proprio dalla necessità di doversi continuamente adattare a nuove circostanze. I giovani berlinesi (che a differenza di quanto siamo abituati a vedere rappresentano la maggior parte della forza lavoro ed il nervo vivo della città) si sono gettati con entusiasmo in tutte le attività che rendono interessante il complesso cittadino….continua a leggere

Torniamo a parlare di Parigi con un edificio non molto conosciuto ma, a mio avviso, divertente. Siamo al numero 42 degli Champs-Élysées, dopo tutto, se vi trovate in zona, non vi sarà difficile trovare una scusa per passare da queste parti ed affacciarvi nello show-room. Il progetto è stato concepito e sviluppato da Manuelle Gautrand, giovane architetto che ha vinto il concorso internazionale indetto dalla casa. A prima vista possiamo dire che riesce sicuramente a distinguersi ed uscire dal prospetto monotono della via, senza essere comunque un elemento di disturbo. Ma è all’interno che si rimane colpiti. Una enorme colonna di vetture rotanti, composta da otto piattaforme intorno alle quali gira una scala, con pareti bianco brillante, che è il percorso espositivo (prendete l’ascensore fino in cima, si gode una notevole vista su Tour Eiffel, le Cupola del Grand Palais, La Tour Montparnasse, Place de La Concorde e gli Champs-Élysées, e poi scendete), certo l’idea di un percorso intorno ad uno spazio vuoto non è certo originale, ma vale comunque la pena di entrare lasciarsi incantare dal luccichio… continua a leggere